GOOGLE UPDATE 2021: CORE WEB VITALS E ALTRE NOVITÀ

Lo scorso anno avevamo parlato dei cambiamenti che avrebbe portato il Google Core Update del 2020.

Un ulteriore aggiornamento del più noto tra i motori di ricerca era previsto per il mese di marzo 2021, poi procrastinato a maggio. La novità del Google update del 2021 dovrebbe essere una valutazione della qualità dell’esperienza di utilizzo da parte dell’utente in pagina. L’idea di base è quella di aggiungere un nuovo elemento alla lista dei criteri di valutazione per effettuare il ranking dei siti web, che comprende:

  • protocollo di sicurezza HTTPS,
  • ottimizzazione della velocità di caricamento delle pagine,
  • ottimizzazione per la navigazione mobile,
  • elaborazione mirata del testo alternativo per le immagini.

CORE WEB VITALS

Tra i nuovi fattori di ranking previsti per il 2021 ci saranno le metriche Core Web Vitals ovvero quegli elementi che influiscono sulla qualità dell’esperienza in pagina dell’utente. I Web Vitals sono una serie di benchmark fondamentali per valutare e migliorare l’esperienza utente sul web. Il criterio per salire di posizione è far sì che una pagina “convinca” l’utente a restarci più a lungo e non abbandonare il sito rapidamente per passare al successivo. Tra questi elementi ci sono:

  • il Largest Contentful Paint o LCP, ovvero il caricamento del blocco di pagina principale. Questo deve avvenire entro un arco di tempo inferiore ai 3 secondi dal primo avvio;
  • il First Input Delay ovvero il tempo richiesto per fare la prima interazione;
  • il Cumulative Layout Shift ovvero la stabilità visiva della pagina.

GOOGLE UPDATE: L’IMPORTANZA DELLA PAGE EXPERIENCE

La Google Page Experience è al centro delle modifiche del nuovo algoritmo del motore di ricerca, che influenzeranno il ranking di una pagina web.

Per i proprietari di siti, comprendere gli che elementi che influiscono sulla qualità dell’esperienza dell’utente sarà importante per un buon posizionamento su Google. I web master dovranno effettuare un’analisi approfondita dei siti web che gestiscono e apportare le modifiche necessarie per salire in alto nelle classifiche.

Gli indicatori visivi del prossimo Google Update

Tra le novità dell’update di Google era stata annunciata l’introduzione di un indicatore visivo per identificare i risultati di ricerca che soddisfano tutte le caratteristiche specifiche dell’esperienza della pagina. Questo aggiornamento dell’algoritmo ricorda in qualche modo l’introduzione di un po’ di tempo fa delle icone AMP e delle etichette riguardanti l’ottimizzazione per i dispositivi mobili. Se questo indicatore sarà messo in evidenza nei risultati di ricerca, è molto probabile che gli utenti prediligano i siti che lo ottengono rispetto agli altri.

COME MIGLIORARE L’ESPERIENZA DELLA PAGINA WEB IN BASE AL NUOVO GOOGLE UPDATE

Riepilogando quindi, l’esperienza della pagina include tutti gli aspetti relativi alle modalità in cui gli utenti interagiscono con una pagina web e a quanto queste siano positive o negative. Tra gli aspetti più importanti ci sono:

  • i segnali di ricerca Google esistenti (navigazione sicura, ottimizzazione per i dispositivi mobili, HTTPS e linee guida interstitial intrusive);
  • le metriche Core Web Vitals (caricamento, interattività e stabilità visiva).

Un’ottima esperienza sulla pagina, comunque, non sostituisce la necessità di offrire ottimi contenuti, che sono ancora prioritari. Inoltre, si deve ricordare che la cattiva struttura del sito e un design confuso potrebbero rendere difficile all’utente la ricerca delle informazioni che gli interessano. Tuttavia, quando sono presenti molte pagine di pari rilevanza, offrire la migliore esperienza sulla pagina determinerà la differenza nei risultati di ricerca.