Via Gian Giacomo Mora, 22 - 20123 Milano

LINK EQUITY O LINK JUICE, COS’È E COME GENERARE INBOUND LINKS SUL TUO SITO WEB

Quando ci si avvicina alla SEO spesso si sente parlare di link equity o link juice e dell’importanza di generare inbound links sul proprio sito web. Ma la link juice cos’è e come si ottiene? Quali sono i vantaggi di queste strategie SEO? Nell’articolo proveremo a offrirvi un riepilogo dei metodi più efficaci per la costruzione dei link in entrata e in uscita del vostro sito. Non tutti i link sono uguali, quindi è necessario valutare in modo critico a chi ci vogliamo collegare e chi vogliamo che si colleghi a noi. Quando si fa questo lavoro, infatti, si deve considerare ogni link, sia in entrata che in uscita, come un luogo potenziale per stabilire una connessione.

Link equity

LINK EQUITY, LINK JUICE E LINK INTERNI: PAGINE PILASTRO E CLUSTER –

Una link equity efficace comprende, oltre ai backlink, una costruzione di link interni articolata a dovere. Il modello pilastro e cluster è stato introdotto per la prima volta in Inghilterra diversi anni fa. È un modo estremamente utile per organizzare i contenuti del sito web in base ai temi e agli argomenti principali, per rendere più strutturata la strategia SEO. Si deve pensare alle pagine pilastro che definiscono la propria attività e iniziare a organizzare i contenuti in base a cluster che si adattano alle pagine pilastro. Lavorare sulle pagine pillar e cluster può aiutare sia con la SEO on-page che off-page, grazie alla costruzione di canalizzazioni di link a tema.

LINK EQUITY E INBOUND LINKS –

L’obiettivo principale di tutte le tecniche utili alla creazione di inbound links è quello di attirare nuovo traffico e migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. La creazione di link può aiutare a costruire il ranking e l’autorità di dominio. Un backlink, per risultare utile al proprio sito web deve essere privo del “nofollow” che permette a un sito di indicare ai motori di ricerca l’istruzione di non seguire i link presenti in una pagina. È fondamentale anche il luogo in cui è inserito un backlink all’interno di una pagina web. Le posizioni da evitare sono:

  • footer,
  • header,
  • sidebar,
  • widgets,
  • pagine dedicate solo ai link,
  • blogroll

La posizione migliore è nel corpo del testo della pagina web, soprattutto nella prima parte.

Ottenere inbound links tramite il guest posting

Uno dei metodi più efficaci per generare link in entrata sul proprio sito web è il cosiddetto guest posting o guest blogging.

Questa pratica consiste nella scrittura e pubblicazione di contenuti per altri siti web in cambio della possibilità di inserirvi un testo di ancoraggio con link al proprio portale. Per fare guest blogging in modo efficace si devono identificare siti web che possano accogliere un contributo alla nostra conoscenza dell’argomento trattato. Il primo vantaggio sarà quello di incuriosire nuovi potenziali lettori e portarli sul nostro sito. Inoltre, pubblicando guest post su siti web con un’autorità di dominio superiore, si otterrà un ulteriore vantaggio da questi sforzi di blogging.

Le regole di un guest posting efficace

Un tempo, tale metodo era abusato e si tendeva a inondare il web di contenuti scadenti. Oggi la necessità di proporre articoli ben scritti e utili rimane valida anche per quanto riguarda il lavoro di creazione di link equity. Gli algoritmi dei motori di ricerca infatti negli ultimi anni sono in grado di esaminare il valore del link in entrata. Una delle regole da tenere a mente, ad esempio, è che i contenuti più lunghi tendono a offrire risultati migliori di quelli più brevi. Per trovare siti dove fare guest posting su argomenti pertinenti al nostro settore e target di interesse, possiamo cercare tra i competitor e guardare da dove provengono i loro link in entrata. Un’altra possibilità è utilizzare piattaforme di guest blogging a pagamento. È molto importante filtrare siti e piattaforme del genere per:

  • autorità di dominio,
  • valutazione del dominio,
  • domini di riferimento,
  • punteggio spam.

Inbound links e testimonial link building

La realizzazione di link di testimonianze è vantaggiosa sia per costruire la fiducia dei clienti, sia per l’acquisizione di backlink in entrata. In alcuni casi questi specifici backlink forniscono un flusso costante di traffico di click-through che contribuisce alla SEO e agli sforzi pubblicitari a pagamento.

Inbound links e forum che ospitano backlink

Nonostante ormai i social network vadano per la maggiore, esistono sempre i forum focalizzati su argomenti specifici. È importante, prima di procedere con l’inserimento di link in un post del forum, leggere il regolamento per appurare se è consentito inserire una firma personalizzabile e i link nei post. Inoltre, si deve valutare se sia più opportuno intervenire in risposta a una conversazione già avviata o aprire una nuova discussione sull’argomento inerente il proprio sito web.

SCEGLIERE I LINK ESTERNI PER LA LINK EQUITY DEL SITO –

Scegliere dei link esterni da inserire in ciascun contenuto è molto importante per offrire una valida esperienza di navigazione all’utente. Questi non devono portare il lettore verso fonti che ripetono lo stesso argomento affrontato nella nostra pagina. Piuttosto, devono condurre a fonti particolarmente autorevoli che approfondiscono aspetti di quell’argomento da noi tralasciati o offrono una documentazione ufficiale. Questi link non rischiano di scoraggiare l’utente alla prosecuzione della lettura del nostro contenuto.

LINK EQUITY, CONCLUSIONI –

Anche se l’acquisizione di link in entrata è utile e importante, non si può lavorare sulla strategia off-page senza prima costruire la propria strategia SEO on-page. Il sito dovrebbe essere prima di tutto ottimizzato per i migliori risultati, in modo da ottenere il massimo dai link che si acquisiranno. L’esperienza dell’utente è molto importante e non ci si può posizionare in alto nelle SERP senza curarla. Pertanto, è sempre necessario dare la priorità al lavoro su contenuti di qualità, parole chiave target, velocità della pagina, ottimizzazione per dispositivi mobili e metadati.