LE TENDENZE SEO CHE CARATTERIZZERANNO IL 2020

Alcune tendenze SEO subiranno importanti cambiamenti nel 2020. Google quest’anno ha raggiunto la “Quantum Supremacy” o supremazia quantistica. Ciò significa che ha costruito un computer in grado di eseguire attività che i computer moderni impiegherebbero tempi lunghissimi a completare. Senz’altro il motore di ricerca utilizzerà queste nuove scoperte a fini commerciali e renderà molto più potente l’algoritmo di ricerca. Il processore quantistico, infatti, è completamente programmabile e può eseguire algoritmi quantistici per scopi generici e applicazioni di apprendimento automatico.

BERT E I CONTENUTI ORIENTATI ALLA NLP

Google ha rilasciato un nuovo aggiornamento nell’ottobre 2019 chiamato BERT incentrato sul NLP ovvero Natural Language Processing, che ha influito sulla classifica di oltre il 10% delle query. BERT è un modello di apprendimento approfondito open-source nella PNL, utilizzato per analizzare grandi quantità di testo e fornire approfondimenti utili per gli utenti. In questo modo si possono esaminare le parole che precedono e seguono una frase tramite una comprensione del contesto. Grazie a BERT, Google ora può comprendere meglio le query più lunghe e rilevare anche il contrario.

ELABORAZIONE DEL LINGUAGGIO NATURALE: UNA DELLE NUOVE TENDENZE SEO 2020

L’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) si focalizza sulla capacità di un computer di comprendere, analizzare, manipolare e generare il linguaggio umano. Questa funzione sta modificando il panorama delle attività imprenditoriali, poiché ha la capacità di estrarre informazioni critiche da dati non strutturati (principalmente sotto forma di fatture, chat online dei clienti, e-mail).

Lo strumento API NLP di Google si può utilizzare per ottimizzare i contenuti e identificare entità uniche. L’NLP è in grado di riconoscere i nostri contenuti rispetto a quelli dei concorrenti.

Come si usa la funzione NLP

Sono presenti quattro sezioni nel NLP che forniscono ciascuna un significato per comprendere il contenuto:

  • entità,
  • sentimenti,
  • sintassi,
  • categorie

Nella sezione “entità”, Google può capire, ad esempio, che “Ata Khan” è il nome di una persona. Le entità possono essere il nome di qualsiasi persona, un luogo, un’organizzazione, un numero e così via. Nella sezione “sentimento”, Google può comprendere il contesto positivo o negativo di qualsiasi frase. Nella sezione “sintassi” si valuta la parte tecnica del linguaggio che forma la struttura grammaticale delle frasi. Nella sezione “categorie” si valuta se i contenuti sono scritti per il settore giusto o meno.

Come usare l’NLP per il digital marketing nel 2020

Vediamo un esempio pratico di come utilizzare la funzione NLP per trarne vantaggio per la propria attività di content writing e marketing aziendale. Si digita la parola chiave per la quale si desidera classificare un contenuto in Google, ad esempio: “migliori smartphone 2019”. Si può aprire il sito che si classifica in posizione numero uno e si copia il contenuto. Lo si incolla in Google NLP e si verifica se è scritto per il settore giusto o meno. Si incollano i propri contenuti nella casella per confrontare i risultati con quelli dei concorrenti. Si dovrebbe avere come obiettivo un punteggio di fiducia del 90% o superiore nel settore per il quale si desidera classificarsi.

LA RICERCA VOCALE, UNA TENDENZA IN CRESCITA NEL 2020

La ricerca vocale sta diventando più utile per gli utenti perché è più personalizzata. Se si vuole essere individuati da Google Assistant, si devono ottimizzare i featured snippets o frammenti in primo piano, perché oltre il 40,7% delle ricerche vocali sono prese da questi.

Come si ottimizzano gli snippet in primo piano da presentare in Google Voice Search? Si deve scrivere la risposta alla domanda assicurandosi che vengano menzionate le parole specifiche delle domande. Gli snippet in primo piano possono contenere:

  • paragrafi,
  • elenchi numerati,
  • elenchi puntati,
  • snippet in primo piano della tabella,
  • frammenti di YouTube.

CREARE LE QUERY CON IL MARCHIO

Le query con marchio sono un segno della credibilità di un’attività professionale, poiché servono a rispondere agli utenti che svolgono ricerca branded su Google. Nel 2020 anche la ricerca con marchio sarà un fattore di classifica. Queste query forniscono il suggerimento a Google che gli utenti apprezzano il brand e lo aiutano ad ottenere posizioni più elevate nelle SERP.

Si può anche utilizzare Google Search Console per visualizzare le query di ricerca personalizzate. Per rendere il proprio sito web un marchio, sarà indispensabile concentrarsi sulla creazione di contenuti eccellenti per il proprio pubblico di riferimento.

L’IMPORTANZA DEI VIDEO PER LA SEO

Le aziende che utilizzano il potente strumento dei video per il marketing ottengono il 49% di entrate in più di anno in anno rispetto a quelle che non lo fanno. Le piccole imprese non si concentrano molto sulla realizzazione di video a causa del costo elevato, ma grazie alle piattaforme freelance sono nate opzioni più economiche. Si possono quindi utilizzare diversi strumenti che aiutano a creare video coinvolgenti.

La ricerca di parole chiave è un passaggio cruciale nell’individuazione di argomenti che possono essere scelti da YouTube e Google. La maggior parte delle visualizzazioni su YouTube provengono da suggerimenti. Ciò significa che è anche necessario investire tempo per creare una buona immagine in miniatura per attirare gli utenti.

ALTRE TENDENZE SEO 2020

L’HTML semantico è una parte cruciale della SEO tecnica che aiuta a ottenere uno snippet in primo piano del sito web nelle pagine dei risultati di ricerca. L’implementazione dello schema sarà un altro fattore che inciderà sulle tendenze SEO nel 2020 per aumentare il traffico organico. Si potranno contrassegnare tutte le informazioni con tag di schema pertinenti per la propria attività, come recensioni, valutazioni e prezzi rispetto ai normali frammenti che contengono solo un titolo, un URL e una meta descrizione. Il più grande vantaggio dell’utilizzo di rich snippet è che attraggono più clic. Google Tag Manager rende questo processo molto semplice.